L’importanza della sanificazione e della qualità dell’aria indoor

Problema

Il COVID-19, o più comunemente coronavirus, è un problema con il quale dovremo convivere ancora per un po’ e l’unica possibilità che abbiamo per mitigare le conseguenze negative di questa convivenza forzata è cercare di farlo nel miglior modo possibile. Per questo è importante adottare le giuste misure per limitare i contagi soprattutto nei luoghi chiusi, dove trascorriamo circa il 90% del nostro tempo.

Come sappiamo il coronavirus si trasmette attraverso le goccioline (droplets) emesse quando parliamo, tossiamo o starnutiamo. La riduzione dell’esposizione alla malattia è data dalla capacità di alcuni filtri di catturare le particelle di dimensioni paragonabili a quelle che possono ospitare il virus (circa 0,1 micron), ma non solo… affinché il processo di eliminazione del virus sia completo, la prima fase di captazione dev’essere seguita da una seconda fase di neutralizzazione del particolato pericoloso. 

Per avere un impatto positivo sulla trasmissione delle malattie infettive, i filtri devono essere progettati e installati in modo appropriato ed essere inseriti correttamente nel contesto strutturale dell’ambiente d’installazione.

Soluzione

La nostra soluzione sfrutta l’alta efficienza di captazione della filtrazione elettrostatica, in grado di catturare il 99% dei virus e dei batteri presenti in aria. La differenza di potenziale tra degli elettrodi di emissione e di raccolta separa le particelle contaminanti dal gas che attraversa gli elettrodi, restituendo in uscita un flusso d’aria privo di inquinanti.

I virus e i batteri intrappolati all’interno della cella elettrostatica vengono neutralizzati grazie al potere biocida del rame, utilizzato nel sistema di lavaggio periodico che funziona in automatico. Per saperne di più sulle proprietà virucide del rame vai all’articolo > STORIA DEL RAME IN AMBITO MEDICO.

La particolarità della nostra soluzione riguarda anche il liquido di risulta che non verrà smaltito ma riutilizzato in ambito agricolo, grazie a un processo di trasformazione certificato CE. Economia circolare

Conclusione

La filtrazione dell’aria per la prevenzione del coronavirus è sicuramente un aspetto da non sottovalutare, ma è necessario porre i giusti accorgimenti e attraverso la tecnologia più opportuna. Non essendoci ancora linee guida chiare ed univoche sull’utilizzo della filtrazione ambientale contro il contagio da COVID-19 è importante affidarsi a chi ha le giuste competenze e seguire le raccomandazioni di esperti e specialisti.

Lascia un commento